/

20/04/2023

Collo alto senza cucitura e scollatura a cappuccio.

Vorresti preparare un cartamodello per un collo alto senza cuciture e una scollatura a cappuccio, ma non sai

come fare? Oggi ti spiegheremo passo per passo e in modo semplice tutte le fasi da seguire per evitare errori

durante la preparazione dei progetti per questi due colli.

COLLO ALTO SENZA CUCITURE

Un collo alto senza cuciture, molto simile a un collo a cratere, è adatto a essere adoperato

per conferire eleganza a giacche, camicette e cappotti. Le cuciture non saranno presenti sul davanti del

collo ma unicamente sulla spalla e il dietro, lungo l’unione tra i due lati del colletto.

Il cotone e tutte le stoffe pesanti, inoltre, possono essere usate per questo tipo di collo. Per tutti i tessuti

grossi, infatti, meno cuciture sono presenti e meglio risulta il prodotto finale.

COME CREARE UN COLLO ALTO SENZA CUCITURE?

1. Partendo da un cartamodello base del corpetto, alza di 3 cm il girocollo e il punto inizio spalla.

Quest’ultimo deve avere un’inclinazione verso l’interno in media di 1,5 cm, variabile in base alla

dimensione del collo.

2. Unisci i due punti rialzati tra loro per mezzo di una linea leggermente arrotondata.

3. Ripeti i due step appena descritti anche per la parte posteriore e ritaglia il colletto appena disegnato

4. Applicalo a quello anteriore, così da avere un taglio unico ed evitare di conseguenza la cucitura ai

lati del collo.

5. Modifica l’angolo che si crea dall’unione delle due parti. Traccia una linea che colleghi le due

strutture in una curvatura lineare e continua.

6. Allunga di 13 cm lo scollo partendo dal girocollo e andando verso il basso

7. Disegna un bordo di cucitura della grandezza di 2 cm lungo il drittofilo, sul quale verranno

aggiunti i bottoni al momento della realizzazione

8. Unisci tramite una linea di congiunzione arrotondata l’allungamento dello scollo e il bordo di

cucitura

Se si decide di lavorare su un cappotto, tutte le misure devono essere più ampie (l’altezza del collo, per

esempio, può essere fatto di 5 cm) per dare maggiore vestibilità sulle spalle tenendo presente il tessuto più

pesante e i vestiti sottostanti quando verrà indossato.

In modo da evitare l’apertura nella parte anteriore della scollatura e la poca aderenza sul collo, inoltre,

bisogna intervenire sul cartamodello attraverso delle pieghe. Questo metodo può essere utilizzato per tutti

gli scolli e i punti vuoti, così da non rendere necessarie ulteriori cuciture.

SCOLLATURA A CAPPUCCIO

Questo tipo di scollatura, anche detta a drappeggio, da un tocco elegante al tuo look e rende la tua figura più

snella. È l’ideale per tutte quelle donne in gravidanza, con poco seno o una corporatura più o meno

robusta.

Il tessuto da usare in questi casi deve essere leggero. Se scegliete di adoperare della maglina non è

necessario fare delle patch sul petto, poiché essa si modellerà poi sul corpo, data la sua natura elastica e

aderente.

Per creare un disegno di questo scollo esistono diverse tecniche, tra le quali te ne illustreremo quattro.

quattro.

QUATTRO METODI PER CREARE UNA SCOLLATURA A CAPPUCCIO

PRIMO METODO 

1. Segna la linea del sottomanica su un cartamodello base.

2. Crea una seconda copia del modello.

3. Ritaglia e incrocia i due disegni secondo la linea del sottomanica o in base alla scollatura desiderata.

4. Traccia una linea retta dal punto inizio spalla fino al punto di intersezione dei cartamodelli e taglia l’eccesso.

5. Fissa degli spilli al di sotto dello scollo e apri i due modelli quanto desideri in base al drappeggio che si vuole ottenere sul davanti. Più si allarga, più lo scollo verrà basso e ampio. 

6. Traccia una riga che collega il punto inizio spalla dei due progetto incrociati tra loro

7. Alzare di 5 cm i punti spalla per creare una paramontura interna

8. Ricalca i bordi dei disegni creando un unico cartamodello per la parte anteriore. L’eccedenza, infatti, andrà a creare successivamente il drappeggio.

SECONDO METODO PER UNO SCOLLO PIÙ ALTO E POCO AMPIO

1. Prendi il cartamodello base e posizionalo su stoffa doppia seguendo il drittofilo.

2. Fissa degli spilli nella zona bassa del corpetto, sempre lungo il drittofilo, senza includere la parte dello scollo.

3. Dalla parte superiore estrai lateralmente del tessuto per qualche centimetro. Questo sarà poi usatoper creare l’effetto a cappuccio. Più stoffa viene fatta fuoriuscire, più la scollatura sarà bassa.

4. Disegna una linea retta che parte dal punto fine spalla e va verso l’alto (20-30 cm) a chiudersi sulla linea del drittofilo.

5. Segna un punto all’inizio e alla fine della spalla (solitamente 13 cm)  per evitare errori durante lacucitura. Nella realizzazione, infatti, l’eccedenza sulla spalla (1,5 cm, ottenuta nello step precedente) va piegata e cucita sul lato posteriore in modo da far cadere la bordatura dello scollo verso l’interno e non renderlo visibile.

TERZO METODO PER UNO SCOLLO PIÙ AMPIO E BASSO

1. Come descritto per il secondo metodo, posiziona il cartamodello base sul tessuto lungo il drittofilo e fissalo con degli spilli nella parte bassa.

2. Fai dei piccoli ritagli laterali in diagonale partendo dalla base dello scollo fino alla spalla.

3. Sposta verso l’esterno il cartamodello superiore al di sopra della stoffa. Più l’apertura è ampia, più bassa sarà la scollatura a lavoro terminato.

4. Prima di procedere col taglio della stoffa, anche in questo caso, traccia una linea verso l’alto dal punto inizio spalla fino al drittofilo. Questa eccedenza sarà usata per creare il drappeggio.

QUARTO METODO PER UNO SCOLLO BASSO MA NON ECCESSIVAMENTE VOLUMINOSO

Questo procedimento è molto semplice e veloce, solitamente impiegato per ampie scollature sulla schiena. Basta usare il cartamodello base e disegnare una scollatura a V dal punto vita fino alla spalla. Per avere un drappeggio meno voluminoso, infine, si deve ritagliare di sbieco un altro pezzo di stoffa che verrà adoperato successivamente per creare un rimesso di cucitura nella fase di lavorazione.

Autore: Rosa Di Donato